Idee visionarie per un Trusted Computing al contrario…

Filed under: Stuff... pfu... — Ilias Bartolini at 2:16 am on Friday, January 27, 2006

Sarà l’ora tarda ma mi sono messo a fare voli con le idee.

Pensavo a modi per sfruttare un sistema hardaware di trust tipo il chip fritz in maniere opposte a quelle pensate dal TCG (Trusted Computing Group).
Per chi non sapesse cos’è il TC (Trusted Computing), si tratta di una tecnologia sviluppata da un largo gruppo formato da moltissime multinazionali del software-hardware-entertainment che sotto la scusa di una maggiore sicurezza per gli utenti, di fatto ne limita le libertà e impedisce l’effettivo controllo di cosa succede nei nostri sistemi.
Trovate maggiori informazioni su questo tema sul sito http://www.no1984.org/di cui sono collaboratore (scaricate il filmato introduttivo sul TC!)

La base sarebbe comunque di partire da un modello di fiducia non gerarchico: simile a quello di PGP. …e qui smentitemi se abaglio, ma credo che il chip Fritz[0] non sia aperto a questo tipo di utilizzi.

La seconda prende spunto da progetti simili a Seti@Home[1] o Genome@Home[2] (…date un’occhiata a questi progetti se non li conoscete).

Sarebbe bello poter pensare che domani io decida di fidarmi per esempio di Wikipedia[3] e decida di dare piena fiducia al suo amministratore su risorse di calcolo, disco, rete, ecc… di una mia macchina.
Questo in teoria può già avvenire, ma la differenza sarebbe che l’amministratore di wikipedia potrebbe avere la certezza che il software che lui mi fornisce giri in maniera trusted sul mio PC di casa.

Magari con i sistemi di virtualizzazione[4]-[5] delle future CPU potrebbe essere possibile pensare che una macchina virtuale sul mio PC risponda interamente in maniera trusted ad una certa altra persona… tutto questo per supportare una sorta di cluster collaborativi tra persone.

…sarò visionario ma non mi sembrano idee troppo distanti.

che ne pensate? …mi interessa molto sentire il vostro feedback.

(nb. la discussione è cross-postata qui sulla mailing list di no1984.org)

Curiosità varie…

Filed under: Stuff... pfu... — Ilias Bartolini at 9:50 pm on Tuesday, January 24, 2006

Freddo glaciale avvolge Bologna… quindi finalmente una scusa per starmene in casa, riappendere le mie “mensole complemetari” al muro e terminare la sistemazione dei mobili della camera da letto. Alla faccia della moda wireless ho steso 60m di cavi tra rete, alimentazione e mi è scoppiato un attacco di l’allergia alla polvere.

Prima di sistemare tutto ho dato un’occhiata alla voce Feng Shui di wikipedia (…l’enciclopedia libera che come al solito continua a stupirmi…) ed ho scoperto che persino alcuni dei grattaceli che ho visto quest’estate ad Hong Kong seguono quest’antica dottrina cinese :D

Grattaceli della Bank of China e del Citigroup

The famous Bank of China Tower on Hong Kong Island, a blade-like design by I.M. Pei (not a feng shui adept), was supposedly a deliberate curse upon the Government House and the former British administration. No updated version of this fable exists to explain effects on the current occupants.

In fact, the Citigroup building which sits right next to the Bank of China Tower is a direct target of its blade like design, in theory severing all the good chi. The architects of the Citigroup building therefore designed it with a curved facade in order to shield and deflect the negative elements eminating from the neighboring Bank of China building.

Wikipedia mi lascia ogni volta più stupefatto… ormai la uso per le mie ricerche, per organizzarmi le vacanze, e tra un po’ pure per trovare informazioni per chi votare alle prossime e-le-zio-ni:

…oggi spiff mi ha fatto pure notare che nella homepage della versione Italiana compare la frase: NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO” come nel primo post del mio blog.

Fate anche voi una donazione al progetto wikipedia… ma soprattutto contribuite ai suoi articoli!

Tornando ad una serie di stupidaggini, ma anche curiosità un po’ più serie che ho trovato e letto in giro vi segnalo:

Un sito che calcola quanto è ganzo il numero ip con cui stai navigando
http://www.ipspotting.com/

Una recente ricerca sul motivo per cui gli spaghetti di solito non si spezzano solo in due parti, ma spesso in tre, quattro o più …con tanto di filmati degli esperimenti :)
http://www.lmm.jussieu.fr/spaghetti/

E’ stato smentito da un recente ricerca che i radicali liberi non sono causa dell’invecchiamento… alla faccia di tutte le pubblicità di farmaci che ci hanno propinato:
http://www.sciencemag.org/cgi/content/abstract/309/5733/481

Un diamante non è per sempre
http://physicsweb.org/articles/news/9/8/16/1?rss=2.0

Ho appena ritrovato una bella citazione che mi ero salvato in wordpress…

“We can say that Muad’Dib learned rapidly because his first lesson was in how to learn. And the first lesson of all was the basic trust that he can learn. It is shocking to find how many people do not believe they can learn, and how many more believe learning to be difficult.”
from “Dune” by Frank Herbert