La morte è un processo rettilineo

Filed under: Stuff... pfu... — Ilias Bartolini at 4:19 pm on Monday, September 26, 2005

“La morte è un processo rettilineo” è la frase su cui è incentrato uno dei libri di Daniel Pennac della serie che ha come protagonisti i componenti della tribù Malaussène e il suo capo famiglia Benjamin …professione capro espiatorio.

La profesoressa Heber-Katz e il suo gruppo di ricerca del Wistar Institute centre sono riusciti a creare in laboratorio un topolino in grado di rigenerare parti del proprio corpo: zampe, coda, orecchie e persino il cuore! …primo tra i mammiferi ad avere questo privilegio.

La morte è un processo rettilineo …ma magari reversibile?

La stessa speranza deve avere il server web su cui state leggendo queste pagine, il processo di degenarazione del suo disco è lento e progressivo, i segmentation fault sempre più frequenti… questo è il suo continuo lamento :( :

Unable to handle kernel NULL pointer dereference at virtual address 00000006
printing eip:
c0165eba
*pde = 00000000
Oops: 0002 [#1]
Modules linked in: subfs nvidia speedstep_lib freq_table thermal processor fan button battery ac usbserial nfsd exportfs nvram snd_pcm_oss snd_mixer_oss snd_seq_midi snd_seq_midi_event snd_seq evdev joydev sg st sr_mod edd ipv6 snd_ens1371 gameport snd_rawmidi snd_seq_device snd_ac97_codec snd_pcm snd_timer snd soundcore snd_page_alloc 8139too mii intel_agp agpgart i2c_i801 uhci_hcd i2c_core usbcore video1394 ohci1394 raw1394 ieee1394 capability parport_pc lp parport sd_mod scsi_mod dm_mod reiserfs ide_cd cdrom ide_disk piix ide_core
CPU: 0
EIP: 0060:[] Tainted: P U VLI
EFLAGS: 00010202 (2.6.11.4-20a-default)
EIP is at prune_dcache+0×2a/0×150
eax: 00000002 ebx: c0cf0eac ecx: c0cf0ec8 edx: c130fc54
esi: 00000074 edi: c0cf0f04 ebp: d7fe9a20 esp: d79b7f04
ds: 007b es: 007b ss: 0068
Process kswapd0 (pid: 138, threadinfo=d79b6000 task=d7963ac0)
Stack: 00000000 00000087 00000000 c0166302 c013ebb1 000ed800 00000000 00015058
0000000b 00000000 000000d0 00000020 c0327ca4 00000001 c0327b80 00015057
c013fef9 00000001 d79b7f9c 00000000 00000000 0000000c 00000000 00000000
Call Trace:
[] shrink_dcache_memory+0×12/0×40
[] shrink_slab+0×121/0×170
[] balance_pgdat+0×219/0×360
[] kswapd+0xcc/0×110
[] autoremove_wake_function+0×0/0×30
[
] autoremove_wake_function+0×0/0×30
[] kswapd+0×0/0×110
[] kernel_thread_helper+0×5/0×18
Code: 00 57 85 c0 56 89 c6 53 0f 85 aa 00 00 00 5b 5e 5f c3 a8 10 75 1f 83 c8 10 8d 79 3c 89 43 04 8b 57 04 8b 41 3c 85 c0 89 02 74 03 <89> 50 04 c7 47 04 00 02 20 00 8d 4b 24 8b 43 24 8b 51 04 89 50

…speriamo mi dia il tempo di sostituirgli un paio di zampette prima di arrivare al tracollo.

Rispetto ed anticonformismo

Filed under: Stuff... pfu... — Ilias Bartolini at 12:14 am on Saturday, September 10, 2005

Mi sembra ci sia un problema di fondo nella nostra società, almeno quel poco che mi circonda.
Le persone piano piano stanno diventando più rispettose del prossimo, ma stanno diventando anche anticonformiste… quindi disprezzano (anche se in modo abbastanza pacato) la normalità, poi le regole, infine un po’ anche l’autorità (ecco qui i “disobbedienti”… mancato prototipo dell’anticonformista rispettoso).

IL CASO:
Sono in una saletta d’attesa di una grossa multinazionale …aspettiamo un colloquio di selezione (orami tutti lo chiamano di “selezione”, non di “assunzione”… ci stanno privando del nostro punto di vista privilegiato).
Ora ci sono altri 2 tizi; giacca e cravatta; che se ne stanno rigidi come dei carciofi… mah, in fondo se li conoscessi potrebbero essere anche simpatici.
Uno è impaurito ed intimidito, braccia incrociate, mento basso, ha scavato una tana nella sedia. L’altro C’HA l’aria da “grosso”.
Io stamattina alla fine ho deciso di non mettermi nemmeno la camicia. ehh sì… forse dovevo mettermi la cravatta anch’io come loro.
C’è un tappeto rosso. Opulento. ma intonato con le sedie e le pareti del corridoio. A dir la verità la statua che sta nel mezzo è davvero bella!
Una colonna di marmo bianco, sezione rettangolare, molto alta, con una scaletta incavata in un piccolo buco alla base. In cima ci sono tre persone di bronzo (in senso reale, non figurato :) ), una sulle spalle dell’altra, piccole, ma in qualche modo lì in alto ci sono arrivate… e guardano oltre, tendono un passo avanti. Mi ricorda un aforisma di Newton… quello riguardo allo scienziato seduto sulle spalle dei giganti.
Finalmente ora è arrivata anche una ragazza… carina nel suo passo timoroso e nel suo “Ciao” che scioglie l’atmosfera tra noi tre somari che eravamo lì.
Pian piano siamo diventati una marea: c’è un tipo che potrebbe assomigliare al fratellino di un direttore d’azienda, un’altro che si tocca in naso in modo schizofrenico, tutti con la loro pettinatura a posto… apparte me, un matematico barbone ed un informatico matto che mi ha già attaccato pezza riguardo la sua distribuzione GNU/Linux preferita (io sto sfogliando Linux Pro). Tutti gli altri lo guardano male.
Arrivati al tema barzelletta il matematico corregge la tipa timida dicendo che non è vero che alla festa e^x non si integra, ma che invece anche se si integra non cambia nulla… ma forse nessun altro s’è accorto che la voleva correggere, sembra che abbia voluto ripetere la stessa cosa perchè è stato troppo “rispettoso” nei toni e non voleva fare emergere il contrasto …non avranno mai la possibilità di imparare

La diversità contiene “un’epsilon” di non rispetto? …vorrei irrinunciabilmente aver diritto alla mia diversità.
Mi sembra di essere irrimediabilmente irrispettoso verso chi non mi assomiglia, ma forse è una questione di …boh, potrei sbagliarmi.
noooo …o forse è di nuovo il solito banale trade-off tra uguaglianza e libertà? o il giusto mezzo aristotelico? o i partiti che si avvicinano al centro che vincono le elezioni?

In conclusione, comunque, in ogni caso, in fondo questa non la accetterei mai…

Niente sorrisi sui nuovi passaporti
Tra le direttive del governo britannico per la creazione dei nuovi documenti biometrici anche quella di non sorridere: il volto deve avere un’espressione… neutrale

…articolo completo su Punto Informatico

Il costo di una pelliccia

Filed under: Stuff... pfu... — Ilias Bartolini at 4:10 pm on Monday, September 5, 2005

Vi segnalo un filmato, purtroppo molto cruento, che riprende come alcuni animali da pelliccia vengono orribilmente maltrattati e scuoiati vivi in certe zone del mondo.
Uno dei motivi per cui ora più di prima non comprerei mai una pelliccia.

Purtroppo si vede solo con Windows Media Player.
Vi avviso che le immagini sono molto molto forti!
http://www.strasbourgcurieux.com/fourrure/

…senza parole

Next Page »